Le ultime informazioni a proposito del Dji Mavic Mini diventate disponibili grazie al Ministero delle Comunicazioni del Giappone permettono di conoscere un bel po’ di dettagli a proposito di questo drone le cui dimensioni non sono molto diverse da quelle del DJI Spark. Largo 12 centimetri e mezzo, lungo poco meno di 17 centimetri e alto 5 centimetri e mezzo, il mini drone è pieghevole ma non prevede la possibilità di uno sgancio rapido.

Leggi la recensione Mavic Mini aggiornata.

DJI-Mavic-mini

Come funziona il Dji Mavic Mini

Il drone funziona, come il Phantom 3 Pro/Adv, in modalita’ OFDM, con un range di 3 chilometri e mezzo. Le dimensioni dei bracci sono piuttosto ridotte, e il posizionamento delle antenne non è dei migliori: tali caratteristiche, però, sono compensate dalle prestazioni della modulazione OFDM, che assicurano risultati nettamente superiori a quelli che si potrebbero ottenere con il wifi. Tra i punti di forza del Dji Mavic Mini si segnalano la migliore immunità ai disturbi e la stabilità di segnale più che apprezzabile: tutte doti che si traducono in un range operativo migliore.

Ultimo aggiornamento il 10 Agosto 2022 22:56

Le caratteristiche del drone

Le altre informazioni attualmente a disposizione a proposito del Dji Mavic Mini parlano di un peso di 245 grammi e di un’autonomia di volo che non dovrebbe superare i 20 minuti. Il dispositivo può essere condotto con una portata di circa 100 metri senza radiocomando in wifi ed è munito di Gimbal camera stabilizzato su 3 assi. Il FOV è di circa 90 gradi, il bitrate raggiunge i 60 Mb al secondo e la risoluzione offerta è un 4K 30 fps: insomma, performance di tutto rispetto per un mini drone con sensore da 12 Mpx che permette di scattare foto in JPG ma non in RAW. 

Ecco alcuni delle caratteristiche emerse dai rumors:

  • Dimensioni: 140x140x53mm
  • Tempo di volo massimo: 18 minuti
  • Velocità massima: 31 mph (50 km / h)
  • Sistema di rilevamento degli ostacoli: 0,2-5 m con superficie maggiore di 20×20 cm
  • Fotocamera da 12 MP con obiettivo f / 2.6 equivalente a 25 mm
  • Video massimo: 4K a 30 fps, 60 Mb / sec (2,7 K a fps)
  • Controllo Wi-Fi fino a 100m
  • Telecomando – probabilmente opzionale – portata: 5km
Ultimo aggiornamento il 10 Agosto 2022 22:56

Che cosa attendersi

Il Dji Mavic Mini dovrebbe essere presentato nel corso dei prossimi 2 mesi e non dovrà essere registrato: come previsto dalla bozza del regolamento Enac che entrerà in vigore nelle prossime settimane, infatti, la registrazione non è richiesta per i droni a uso ricreativo che non superano i 250 grammi. Inoltre, i piloti non sono tenuti a provvedere al test online. Diverso è il caso in cui il drone in questione venga impiegato a scopo professionale: in tale circostanza il Dji Mavic Mini potrà essere dichiarato come drone inoffensivo inferiore ai 300 grammi dotato ddi protezione dai contatti accidentali per le parti rotanti.

dji-mavicmini

Le novità normative del prossimo anno

Chi ha intenzione di comprare questo drone, però, deve essere consapevole del fatto che a partire dal prossimo anno, e in particolare dal mese di luglio del 2020, nel nostro Paese entrerà in vigore il nuovo regolamento europeo secondo il quale i droni di peso inferiore ai 250 grammi potranno volare anche in assenza del nuovo marchio CE nella categoria C0. In ogni caso, fino al 2022 è previsto un periodo di transizione: per i droni che non raggiungono i 250 grammi privi di marchio CE che saranno messi in vendita di qui al 2022, dunque, sarà concessa la possibilità di volare per sempre in classe C0. Gli altri droni da più di 250 grammi, invece, saranno destinati alla classe A3. Vale la pena di tenerlo presente nel caso in cui si sia propensi a comprare il drone Mavic Mini.

Anche per lui come per gli altri droni DJI ci sara’ la possibilita’ di attivare la DJI Care Mavic Mini.

Ultimo aggiornamento il 10 Agosto 2022 22:56

Pregi e difetti

Un drone che ha l’aspetto di un Mavic in miniatura: avendo i bracci pieghevoli, risulta ancora più piccolo rispetto allo Spark quando è chiuso. Un dispositivo perfetto per il volo in scenari urbani, fermo restando che è proibito il sorvolo di assembramenti di persone. Ma, al di là delle questioni normative, si tratta di un prodotto decisamente all’avanguardia dal punto di vista tecnologico.